SVN solovelanet

Annuario 2019

'SolovelaNet, la vela nel web', una piattaforma, una sinergia di strumenti per chi naviga

Issue link: http://svn.uberflip.com/i/1065083

Contents of this Issue

Navigation

Page 31 of 172

32 La nuova strada di Nautitech Dopo essere uscito indenne dalla crisi del gruppo Bavaria al quale appartiene, il cantiere Nautitech cambia proprietà e si prepara ad afforntare la nuova strategia di prodotto I l cantiere Nautitech è stato da poco acquistato dal fondo d'investimento tedesco Capital Management Partners nell'ambito dell'operazione che ha portato all'acquisizione del cantiere Bavaria mediante l'equi- valente in Germania di quello che è da noi il concor- dato preventivo. SolovelaNet ha incontrato al Boot di Düsseldorf il nuovo amministratore delegato del cantiere, Gildas Le Masson, per capire quale sarà il nuovo percorso della Nautitech. SVN – Quanto ha sofferto la Nautitech di quanto accaduto alla Bavaria? G.L.M. – Dal punto di vista dell'operatività del cantie- re, non ha sofferto nulla, perché, nonostante Bavaria fosse proprietaria di Nautitech, i due cantieri erano in- dipendenti anche dal punto di vista societario. Ha sof- ferto invece nell'immagine. Nei momenti peggiori ab- biamo subito un forte calo di vendite dato dal fatto che i clienti non si fidavano più di comprare le nostre bar- che perché non sapevano se saremmo stati o meno coinvolti nella procedura fallimentare di Bavaria. Intervista SVN – Ora il problema è superato, ma ho visto che avete cambiato il nome da Bavaria Nautitech a Nautitech come era in origine, è una precauzione? G.L.M. – No, assolutamente, solo che abbiamo pensato che Nautitech, come lo è Bavaria nel mon- do dei monoscafi, è un brand molto forte nel settore dei catamarani, soprattutto in Francia, così abbia- mo deciso di far rivivere il nome originale cambian- do e modernizzando il logo. SVN – Molti cantieri che producono catamarani hanno problemi di produzione e difficoltà a tenere il ritmo, voi avete gli stessi problemi? G.L.M. – Fortunatamente no, al momento stiamo lavorando molto bene, ma non abbiamo raggiunto il massimo della nostra capacità produttiva, così riusciamo a consegnare tranquillamente le nostre barche per la stagione. SVN – Quante barche producete in un anno e qua- le è il massimo della vostra capacità? G.L.M. – Solitamente 75 pezzi e ne potremmo pro- durre 100 sfruttando al meglio le risorse attuali. di Maurizio Anzillotti

Articles in this issue

Links on this page

Archives of this issue

view archives of SVN solovelanet - Annuario 2019